fbpx

La cultura del Fast

Libri, fiori e orologio antico. Nell'epoca del Fast proviamo a recuperare lentezza, storia e bellezza

La cultura del Fast

La cultura del Fast: quando tutto diventa “usa e getta”

Viviamo in un’epoca in cui la cultura del Fast è dominante, dove la velocità e l’efficienza sembrano prevalere su tutto.

In quasi tutti i settori, questa corsa frenetica si traduce spesso in produzione di massa, consumismo sfrenato e rifiuti incontrollati.

In questo contesto, emerge con forza la necessità di esplorare alternative, un approccio diverso all’utilizzo e all’acquisto, più etico e responsabile, può essere un baluardo contro l’era del “usa e getta”.

L’obsolescenza programmata

Sicuramente la moda veloce ha introdotto il concetto di obsolescenza programmata, una strategia di produzione che induce i consumatori a sostituire regolarmente i loro capi d’abbigliamento. Ogni cosa ha vita breve, invecchia velocemente e velocemente deve essere buttata e rimpiazzata.

Ma questa tendenza la possiamo scorgere anche nell’esistenza di altro oggetti di uso comune.

Questa pratica alimenta il ciclo incessante di acquisto e scarto, contribuendo in modo significativo alla crisi ambientale. 

Riciclare, prendere spunto da ciò che già esiste,  si erge come una risposta diretta a questa cultura consumistica, trasformando gli oggetti destinati al rifiuto in pezzi unici e atemporali.

La velocità contro la creatività

Nell’era del “fast”, la creatività rischia di soccombere alla richiesta di produzione in serie. Si può, al contrario, incoraggiare l’espressione creativa e la personalizzazione. 

Trasformare vecchi abiti o tessuti in nuovi capolavori, o materiali dismessi in nuovi oggetti utilizzabili, richiede tempo, attenzione e un approccio artistico.

Questo contrasto mette in luce l’importanza di rallentare il processo creativo per valorizzare la qualità rispetto alla quantità.

La resistenza al consumismo

Fare scelte responsabili negli acquisti e nel modo in cui valutiamo gli oggetti e li utilizziamo è una forma di resistenza al consumismo ossessivo che caratterizza l’epoca contemporanea. 

Creare qualcosa di nuovo da qualcosa di vecchio non solo riduce l’impatto ambientale, ma sottolinea anche il valore dell’etica, dell’ecologia e della consapevolezza. 

Questa resistenza si traduce in un cambiamento culturale che invita le persone a considerare il valore intrinseco degli oggetti anziché la loro momentanea novità.

La moda che riutilizza come risposta alle emergenze ambientali

La rapida produzione e il consumo di massa sono tra le principali cause delle emergenze ambientali che affrontiamo oggi. Il riutilizzo rappresenta una soluzione pratica a questo problema. 

Utilizzando materiali già esistenti, si riducono i rifiuti e l’energia necessaria per la produzione di nuovi tessuti. In questo modo, si configura una possibilità cruciale nella lotta contro il cambiamento climatico e la distruzione dell’ambiente.

Il ruolo educativo del riutilizzo

Abbracciare il riutilizzo e il riciclo significa anche abbracciare un approccio educativo nei confronti dei consumatori. Questo processo richiede la comprensione delle origini dei materiali e degli oggetti, incoraggiando una riflessione sulla storia e sul valore intrinseco degli stessi. 

Non è solo un modo per trasformare gli indumenti, ma anche un mezzo per educare le persone sulle implicazioni del consumo impulsivo e compulsivo in tutti gli ambiti della nostra vita.

Perché se ci guardiamo intorno, tante delle cose che non usiamo più o che butteremmo da lì a poco, con un po’ di volontà, possono darci ancora molte soddisfazioni.

Ci vuole manualità, è vero, ma ci sono ottimi libri che possono introdurci in questo modo. Per esempio: 

La bellezza nell’imperfezione

Il riutilizzo e il riciclo celebrano l’imperfezione. Le cuciture, gli inserti colorati, gli aggiustamenti e le tracce del passato aggiungono un carattere unico a ogni oggetto ri-creato.

 In un’epoca in cui la perfezione è spesso un obiettivo, un simile approccio sfida questo concetto, dimostrando che la bellezza può essere trovata anche nell’imperfezione.

Quindi, in un periodo storico in cui l’ “usa e getta” sembra essere la norma, il riutilizzo emerge come un faro di speranza e cambiamento. 

Attraverso la sua pratica, possiamo resistere alla cultura del “fast”, promuovere la creatività e ridurre il nostro impatto ambientale.

Si può iniziare da piccole azioni quotidiane, dall’introdurre nuove abitudini per costruire, un passo alla volta, un nuovo stile di vita. 

La cultura del “fast” potrebbe essere dominante, ma riciclare ci offre la possibilità di sfidare questo status quo e abbracciare una mentalità più consapevole.

Simona Barboni
info@simonabarboni.com

Stilista, creativa e artigiana: creo abbigliamento su misura, do nuova vita ai capi e eseguo riparazioni sartoriali e creative. Promuovo la moda etica e responsabile.

No Comments

Rispondi